Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/economyup/economyup.dev.digital360.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5831

Notice: La funzione WP_Scripts::localize è stata richiamata in maniera scorretta. Il parametro $l10n deve essere un array. Per passare dati arbitrari agli script, usa la funzione wp_add_inline_script(). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 5.7.0.) in /home/economyup/economyup.dev.digital360.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 5831
Alberto Dalmasso (Satispay): "Cosa serve alle scaleup italiane per crescere" | Economyup

EY CAPRI 2018

Alberto Dalmasso (Satispay): “Cosa serve alle scaleup italiane per crescere”



Alberto Dalmasso, founder e Ceo di Satispay, una delle poche scaleup italiane, spiega che, per far crescere queste “sorelle maggiori” delle startup, servono gli investimenti in equity in alternativa al credito bancario. E le aziende dovrebbero collaborare di più con le giovani realtà imprenditoriali

28 Nov 2018


Alberto Dalmasso, founder e Ceo di Satispay (sistema italiano di e-payment per micropagamenti e una delle poche scaleup italiane), spiega in questa videointervista quali strumenti servono per far crescere ulteriormente queste imprese che dalla fase di startup sono riuscite a scalare e quindi ad aumentare in dimensioni e fatturato.

Uno dei modi è incentivare gli investimenti in startup. “Gli investitori in equity possono essere un’alternativa al credito bancario” dice Alberto Dalmasso, che tuttavia rileva: “In Italia sono ancora poche le aziende interessate a collaborare con le startup”. Invece l’open innovation (strategia in base alla quale un’azienda ricerca innovazione al proprio esterno) dovrebbe essere praticata di più. Perché – conclude – “le startup sono imprese solide e concrete da cui si può imparare”.

 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link